Mercato del vino e PAC – settore vitivinicolo europeo: alcuni beni…

COMUNICATO STAMPA

BRUXELLES, 6 dicembre 2019 – Il mercato mondiale del vino è in crescita (x2 in 15 anni) e altamente internazionalizzato (45 vini vengono esportati).

L’UE è il più grande attore vinicola al mondo: il più grande produttore al mondo, il più grande consumatore, il più grande esportatore e importatore di vino.

45 della superficie mondiale (3,3 milioni di ha), 60 della produzione (156 milioni hl), 57 dei consumi e 58 delle esportazioni in volume (60,6 milioni hl) e 64 in valore (20,3 miliardi di euro).

Sulla base di questi risultati, l’UE è molto più avanti di:

  • il “nuovo” mondo: USA, Cile, Argentina, Australia, Sud Africa;
  • e ancor più il “nuovo” mondo: Cina, India, Brasile, alcuni paesi orientali.

Infine, quasi 90 del settore sono costituiti da PMI.

… e sfide da affrontare senza indugio!

Tuttavia, queste prestazioni mascherano gli sviluppi che devono mettere in discussione tutti gli attori del settore vitivinicolo europeo: l’UE sta perdendo quote di mercato

  • (80 nel 2000 ma 65 nel 2018… -15);
  • (78 nel 2000 e 71 nel 2018… -7 ).

Ciò vale in particolare per la Francia, che ha perso 11 in volume e 21 in valore tra il 2000 e il 2018.

Occorre quindi compiere ogni sforzo per rafforzare e sviluppare le prestazioni degli Stati membri europei del vino, le cui esportazioni ammontano a 22,6 miliardi di euro e un contributo vitale all’occupazione e al valore aggiunto delle regioni vinicole europee.

COME PARTE DEGLI ATTUALI SVILUPPI PER IL FUTURO PAC, L’AREV È CHIEDE PER

Commissione e il legislatore, l’attenzione e le misure concrete per:

  • Promuovere i vini europei;
  • sostenere gli investimenti per accelerare la diffusione di nuove tecnologie digitali che promuovono le prestazioni ambientali ed economiche;
  • incoraggiare positivamente la transizione dei nostri sistemi agricoli nel quadro di un rinnovato partenariato, basato sulla fiducia e sui risultati da raggiungere, tra agricoltori-viticoltori e cittadini europei;
  • garantire il riconoscimento e la protezione delle IG e delle DOP in tutti gli accordi internazionali.

Per le regioni vinicole europee rappresentate dall’AREV, il vino è un bene di notorietà, il suo mestiere un’opportunità di coltivazione. In questo contesto, l’AREV accoglie con favore la creazione dell’osservatorio di viti e vino recentemente istituito e ha chiesto per molti anni i suoi desideri.

Questo articolo è disponibile anche in: Deutsch English Español Français Português

Tag: