Informazioni su AREV

L’AREV, Assemblea delle regioni vinicole europee, è una struttura associativa che difende e promuove gli interessi delle regioni vinicole europee, la cui originalità si basa su una doppia legittimità unica: è composta da rappresentanti eletti delle regioni elette dalle popolazioni, e da rappresentanti di organizzazioni professionali.

Nata nel 1988 a Bourg-sur-Gironde, in Aquitania, la Conferenza delle regioni vinicole europee (CERV) è diventata formalmente l’Assemblea delle regioni vinicole europee nel 1994, a Marsala, in Sicilia, durante il adozione di nuovi statuti che hanno rafforzato l’efficienza dell’istituzione.

Nell’applicare i principali principi di partecipazione e sussidiarietà a livello europeo, le Regioni svolgono un ruolo cruciale in quanto rappresentano i cittadini europei, non come individui come nel contesto del Parlamento europeo, ma come comunità vivente.

La politica settoriale che la Commissione persegue da decenni è sempre più in contrasto con le aspettative territoriali delle comunità e della società civile. Ad esempio, la sua politica eccessivamente liberale e pro-industriale per il settore vitivinicolo europeo avrà in definitiva un costo sociale, strutturale e ambientale molto significativo, in questo senso la partecipazione dei leader politici regionali a questo dibattito è essenziale, perché è, oltre che quello del tessuto socioeconomico regionale e delle sue numerose aziende agricole a conduzione familiare, quello dello sviluppo dei nostri territori, dei nostri paesaggi, del nostro ambiente e quello della diversità e della qualità delle nostre produzioni vinicole. Tutto ciò che viene deciso a Bruxelles influenza direttamente le regioni e i cittadini i cui rappresentanti politici regionali hanno la responsabilità morale di far sentire la propria voce in tutti i capitoli.


Organizzazione

Il presidente di AREV, eletto per due anni, è necessariamente presidente in carica di un membro della Regione Europea.
I rappresentanti professionali, che coprono tutti gli attori del settore vitivinicolo a livello regionale, sono raggruppati in seno al Consiglio europeo del vino professionale (CEPV), responsabile della redazione dei testi da sottoporre all’approvazione dell’assemblea plenaria. Il presidente del CEPV è di diritto il primo vicepresidente dell’AREV.

Le regioni vinicole europee (dell’Unione Europea e dei Paesi dell’Europa centrale e orientale, ammesse dalla creazione nel 1988) hanno ciascuna all’interno dell’AREV una rappresentanza politica e una rappresentanza interprofessionale.

Sinergia politica e professionale

Per la prima volta nelle organizzazioni interregionali europee, i rappresentanti del mondo professionale regionale sono seduti, come un consiglio economico e sociale, accanto ai rappresentanti politici delle istituzioni regionali.
Questa dualità ha il notevole vantaggio di consentire al mondo professionale di essere ascoltato con tutta la precisione e la tecnicità della sua esperienza, beneficiando al contempo del sostegno dell’istituzione politica regionale e della forza da cui deriva la sua legittimità democratica. Il presidente di AREV, eletto per due anni, è necessariamente presidente in carica di una regione europea.
I rappresentanti professionali, che coprono tutti gli attori del settore vitivinicolo a livello regionale, sono raggruppati nel Consiglio europeo del vino professionale (CEPV), responsabile della stesura dei testi da sottoporre all’approvazione dell’assemblea plenaria. Il presidente del CEPV è d’ufficio il primo vicepresidente dell’AREV.
Pertanto, dopo oltre trent’anni di attività e incontri nella maggior parte delle regioni al fine di comprendere meglio i rispettivi problemi, l’AREV ha imparato a identificare i principi guida di una politica del vino sapendo come combinare gli interessi generali dell’insieme del settore (dal produttore al consumatore) con le particolarità e le tradizioni di ciascuna regione.


Con la sua doppia rappresentatività, l’AREV lavora con tutte le istituzioni e gli organi responsabili direttamente o indirettamente della politica vitivinicola europea o mondiale ed è coinvolta in tutte le questioni relative al vino.

L’AREV è un interlocutore privilegiato delle seguenti istituzioni:

  • Commissione europea: Dipartimenti dell’agricoltura, mercato interno, commercio, affari economici / Eurostat, ambiente, politica regionale, comitato di gestione del vino …
  • Parlamento europeo: intergruppo viticolo, Commissione agricola
  • Consiglio d’Europa: Commissione per l’ambiente e l’agricoltura, Congresso dei poteri locali e regionali
  • Comitato delle regioni: Commissione agricola
  • Assemblea delle regioni europee (AER)
  • Organizzazione internazionale della vite e del vino (OIV)
  • Organizzazione mondiale del commercio (OMC)

L’AREV è coinvolto in file come:

  • Organizzazione comune del mercato vitivinicolo (OCM-vin)
  • Viticoltura nei paesi in via di adesione
  • Viticoltura in aree difficili, in collaborazione con il Centro di ricerca, studi e sviluppo per la viticoltura di montagna (CERVIM)
  • Tasse / Accise
  • Protezione delle denominazioni geografiche europee
  • Armonizzazione delle informazioni sull’etichetta
  • Viticoltura ecologica
  • Organismo geneticamente modificato
  • Informatizzazione dei documenti commerciali di accompagnamento
  • Enoturismo, Percorsi enologici europei
  • Vino e salute
  • Accademia Internazionale dei Sommeliers

Questo articolo è disponibile anche in: Deutsch English Español Français Português