Portada » Notizia » L’AREV accoglie con favore l’accordo raggiunto sulle tariffe tra l’UE e gli USA

L’AREV accoglie con favore l’accordo raggiunto sulle tariffe tra l’UE e gli USA

L’Unione europea e gli Stati Uniti si sono accordati martedì 15 giugno 2021 per un’escalation duratura del conflitto che li tiene ai ferri corti sulle sovvenzioni concesse a Boeing e Airbus. Dopo una tregua di quattro mesi nelle sanzioni commerciali che si sono applicate reciprocamente nel quadro di questo impulso, hanno optato per una proroga di cinque anni di questa sospensione. “Abbiamo messo fine alla più lunga disputa commerciale nella storia dell’OMC”, ha detto Ursula von der Leyen.

Le due parti hanno concordato un principio di accordo basato su un finanziamento pubblico “equilibrato” per entrambe le parti, e hanno deciso di istituire un gruppo di lavoro per definire i termini di un accordo.

Si tratta di un gesto forte da parte dell’Europa e di Washington che l’AREV chiede dall’ottobre 2019, quando la tassazione punitiva e ingiusta è iniziata per un problema estraneo al settore del vino.

Tuttavia, le perdite del settore vinicolo non sono state compensate e si stanno accumulando con gli effetti di COVID, Brexit ed episodi legati al cambiamento climatico come le gelate primaverili.

In effetti, la battaglia sulle sovvenzioni al settore dell’aviazione ha portato a sanzioni incrociate sbilanciate. Dopo che l’OMC ha autorizzato Washington ad applicare dazi doganali su 7,5 miliardi di dollari di importazioni europee, ha fatto lo stesso con l’UE, sulle importazioni americane, per soli 4 miliardi di dollari. In effetti, i produttori di vino hanno subito tasse di esportazione del 25%, con una perdita di entrate per il settore stimata a circa 1,6 miliardi di euro all’anno. Anche altri prodotti agricoli europei, come alcuni formaggi italiani e l’olio d’oliva spagnolo, furono tassati.

Da parte americana, questi legami transatlantici più stretti sono anche il risultato di un desiderio di formare un blocco contro la Cina. Ecco come Joe Biden vede l’accordo tra Airbus e Boeing: “Abbiamo accettato di lavorare insieme per sfidare e contrastare le pratiche non commerciali della Cina in questo settore, che danno alle aziende cinesi un vantaggio sleale”, ha detto.

È senza dubbio un grande passo per cambiare il corso delle relazioni commerciali transatlantiche.