Portada » Notizia » La disperazione e la richiesta di aiuto del settore vitivinicolo sono al centro del webinar dell’AREV sulla riforma della PAC

La disperazione e la richiesta di aiuto del settore vitivinicolo sono al centro del webinar dell’AREV sulla riforma della PAC

L’altro ieri, 3 maggio, l’Assemblea delle Regioni Europee del Vino (AREV) ha organizzato un webinar ben frequentato sulla nuova PAC e sulle misure transitorie fino ad allora, alla luce degli ultimi sviluppi. L’evento è stato caratterizzato da una schiera di oratori del Parlamento europeo, della Commissione europea, dei rappresentanti dei governi delle regioni europee e dei professionisti del settore, che hanno condiviso importanti messaggi sulla situazione del settore del vino e sul suo futuro.

A nome di tutto il settore vinicolo europeo, Francisco Martinez Arroyo, segretario generale dell’AREV e ministro regionale dell’agricoltura, dell’acqua e dello sviluppo rurale ha aperto il webinar. “Stiamo vivendo un momento difficile”, ha iniziato.

Di fronte all’accumularsi dei colpi del destino (a partire dalla pandemia di Covid-19 fino alle ultime gelate primaverili, e con un occhio alla tassa Trump e alla BREXIT), l’AREV non ha smesso di chiedere alla Commissione Europea un piano concreto di aiuti eccezionali per sostenere il vigneto, “la vitalità del settore dipende da questi aiuti”, ha detto Francisco Martínez.

L’eurodeputata Pina PICIERNO ha indicato che, sebbene la redazione della nuova PAC prevista per il 2023 stia procedendo in un dialogo a tre costruttivo tra la Commissione, il Consiglio europeo e il Parlamento europeo, ci sono ancora molti punti da chiarire. “Le prossime settimane di negoziati saranno cruciali per decidere sui punti probabilmente più importanti, come gli schemi di greening, la condizionalità sociale, i massimali dei pagamenti diretti e la riserva di crisi”. “Siamo fiduciosi che i negoziati si concluderanno presto, ma ci vorrà uno sforzo finale dei colegislatori per trovare un buon accordo”, ha concluso.

La deputata Irene Tolleret, copresidente dell’intergruppo del Parlamento europeo sul vino, gli alcolici e l’alimentazione di qualità, ha sottolineato che “è la prima volta che vedo i presidenti delle cantine cooperative dire che ci saranno suicidi e che non sanno come installare i giovani”.

Nonostante le stime iniziali dei danni di Francia, Italia e Europa dell’Est di 5 miliardi di euro, João onofre, capo dell’unità vino della Commissione europea, ha risposto: “Dove pensate che la Commissione possa trovare i soldi nel bilancio? È chiaro, non esiste“.

Thierry COSTE, ex presidente del COPA-Cogeca e viticoltore del Languedoc, con una testimonianza emotiva e un’intensità più che visibile, ha chiesto alla Commissione europea di venire a vedere il vigneto per sentire la realtà della situazione drammatica. “Questo aumento della frequenza e della violenza degli eventi climatici, che si aggiunge a Covid, alle tasse di Trump e all’insicurezza surreale della Brexit, significa che ho visto piangere dei grandi”.

Thierry Coste ha indicato che non è affatto sicuro che il settore del vino possa farcela. In ogni caso, ha sottolineato che, se non si fa nulla, o se si fa poco, interi settori della viticoltura europea scompariranno per sempre. “Il settore ha bisogno di finanziamenti straordinari. Naturalmente, sappiamo che ci sono molte limitazioni nel bilancio europeo. Ma ci sono fondi straordinari e fondi destinati alla ripresa europea”, ha aggiunto Ángel Villafranca Lara, presidente della federazione spagnola delle cooperative agroalimentari (Cooperativas Agro-alimentarias España).

“Non c’è niente di scritto per il futuro. Il settore sta attraversando un periodo difficile”, risponde Thierry Coste, che ricorda che “la viticoltura avrebbe potuto scomparire completamente dal pianeta alla fine del XIX secolo; era la crisi della fillossera. È stata una fortuna che una vite sia cresciuta in Florida. Se non l’avessimo avuto, il vino sarebbe scomparso e sarebbe diventato parte della storia, come il dodo”. Per l’ex presidente del COPA-Cogeca, la palla può cadere da entrambi i lati della rete e vincere la partita, o può cadere dalla parte sbagliata e causare la scomparsa di un’intera parte della viticoltura europea. “La chiave del successo sta nei decisori”, ha concluso Thierry Coste.

João ONOFRE della Commissione europea è “ottimista. Sono sicuro che il settore del vino uscirà, come sempre, da questa crisi. È chiaro che gli ultimi due anni non sono stati gloriosi, ma non dobbiamo dimenticare che prima abbiamo avuto dieci anni di crescita assolutamente eccezionale. Una volta che l’economia avrà riaperto con il programma di vaccinazione che sta prendendo piede in tutta Europa, saremo in grado di bilanciare una situazione francamente difficile”.

Per concludere, il vicepresidente dell’AREV e presidente del Consiglio professionale europeo del vino (CEPV), Aly Leonardy, ha dichiarato che “il vino è un prodotto che fa parte della storia, delle tradizioni e del DNA della cultura europea. Fa parte dei nostri paesaggi e li modella, è la spina dorsale del nostro territorio rurale, generando un’attività socio-economica che mantiene vivi i nostri villaggi e impedisce lo spopolamento. Fa anche parte della dieta mediterranea, riconosciuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che, consumata con moderazione, contribuisce ad una delle diete più sane del pianeta. È stato anche dichiarato patrimonio culturale immateriale dell’umanità dall’UNESCO. Per tutte queste ragioni, le istituzioni europee devono fermarsi e ascoltare attentamente le richieste di questo settore, per il quale l’AREV sarà a loro disposizione per incanalare e dinamizzare le alternative che propongono, attraverso le sfere politiche e professionali delle regioni vinicole europee”.

Indubbiamente, la disperazione e la richiesta di aiuto del settore professionale, espressa ripetutamente dal mese scorso sia dall’AREV che dai diversi stati membri produttori di vino, è diventata l’asse centrale su cui si è sviluppato questo webinar, sintomo che ci sono ancora cose vitali da risolvere per il settore, nel presente, prima che il futuro della PAC possa essere considerato chiuso.

WEBINAR REPLAY: https://youtu.be/NcTSivdYXVQ